Salta al contenuto

Category Archives: Senza categoria

AGOSTO A NAPOLI: COSA FARE, GLI EVENTI PRINCIPALI

Pasqua a Napoli 2016

L’estate napoletana è ricca di appuntamenti imperdibili, che potranno soddisfare ogni interesse: dalla buona cucina alla all’intrattenimento.

Tante le attività per bambini e gli adulti: momenti da trascorrere insieme, ideali per divertirsi, stare al fresco e – perché no? – tuffarsi anche nella cultura.

Agosto a Napoli, alcuni degli eventi da non perdere.

ATTENZIONE: questa lista è una panoramica delle attività, verificate sempre le date definitive sui siti ufficiali.

Ecco alcune delle sagre tipiche, dove gustare prodotti freschi e (naturalmente!) fare acquisti:

 

Volete ridere a crepapelle? Allora, non potete mancare all’appuntamento con la comicità partenopea:

 

Preferite la musica? Restate in città fino a settembre e godetevi l’esclusivo Ischia Jazz Festival, dal 6 al 10 settembre 2017 a Ischia (NA). Un altro evento musicale è il sorprendente Michael Jackson Day durante il quale una serie di crew di ballo, artisti e cantanti dedicheranno la giornata a ricordare il patrimonio che ci è stato lasciato dal cantante americano.

Anche gli appuntamenti culturali non mancheranno:

“Notti d’Autore” dal 25 al 28 agosto 2017 a Sant’Agnello (NA): rassegna d’arte, artigianato ed enogastronomia. Durante i quattro giorni della manifestazione, si apriranno i portoni delle case e delle antiche fornaci per ospitare oltre 60 artisti ed artigiani provenienti da tutto il territorio nazionale, con mercatino dell’artigianato e laboratori dal vivo con dimostrazioni di scultori, modellatori, tornianti, decoratori ed altri artigiani.

Premio Faraglioni Capri il 30 agosto 2017 a Capri (NA). Ogni anno questo premio è dedicato a protagonisti internazionali della Cultura, della Televisione, della Musica, del Cinema, del Teatro, della Prosa, della Danza.La scelta avviene raccogliendo le indicazioni di personalità della Cultura e dello Spettacolo che segnalano una rosa di candidati.

 

Il segreto per concludere al meglio tutte queste attività? Tornare a risposarvi nella vostra suite a Marechiaro Villa & Relais, a Posillipo. Tra un tuffo in piscina e una cena in terrazza, il relax sarà assicurato e potrete ripartire per nuove avventure godendole al meglio.

Naturalmente, anche settembre riserverà tante emozioni, perché l’estate di Napoli non finisce mai. Nel prossimo articolo scopriremo insieme perché visitare Napoli a settembre e ottobre è una scelta vincente… e perché soggiornare a Marechiaro Villa & Relais rende tutto ancora più indimenticabile!

 

 

Grazie a giraitalia.it per le informazioni

0 Continua a leggere →

L’estate a Napoli è ricca di eventi imperdibili!

Eventi, manifestazioni e iniziative speciali renderanno unica e imperdibile questa estate a Napoli per residenti e turisti.

 

Nuvole e pioggia hanno fatto temere che non sarebbe mai arrivata e, invece, meno di una settimana fa sul calendario anche quest’anno abbiamo segnato l’inizio dell’estate, la stagione più attesa e desiderata.

L’estate a Napoli si prospetta davvero indimenticabile, non solo per il mare, il sole e gli incantevoli posti da visitare, ma anche per le numerose ed interessanti iniziative in programma che renderanno uniche le calde giornate di residenti e turisti.

Si parte questa settimana, il 28 e il 29 luglio, con il Grand Hotel Palazzo Caracciolo, che mette in scena il teatro in camera d’albergo con una comedy unica, brillante, spumeggiante e fuori dagli schemi, per proseguire con aperitivo, live music e tanto divertimento. GRAND HOTEL TEATRO COMEDY è un format di teatro che si “consuma” in camera d’albergo. Ideato da Antonia Renzella e Valeria Bafile con la collaborazione alla drammaturgia di Isabella Benedetti e Andrea De Petris, lo spettacolo rafforza l’esigenza di promuovere territori, location e il teatro stesso, valorizzando le strutture ricettive di una città in quella visione che fa della cultura il promotore privilegiato del turismo. Nelle camere da letto dell’Hotel si alternano tradimenti, incontri equivoci, le doppie vite di un padre, prime notti di nozze, travestimenti, appuntamenti catastrofici, tentati suicidi, misteriose scomparse, rivalità tra cameriere. Guardare le vite degli altri, sbirciando attraverso il buco della serratura delle stanze di un albergo, per scoprirne la vera identità dietro l’apparenza. Saranno le cameriere dell’hotel ad accompagnare gli spettatori nelle camere per “spiare” come intrusi le vicissitudini notturne dei nostri ospiti. Il costo del biglietto è di 25 euro. Per conoscere il programma dettagliato e acquistare i biglietti clicca qui.

A partire dall’iniziativa il “Cinema all’Aperto“, che permette di trascorrere ore piacevoli in compagnia dei propri amici nelle arene estive appositamente allestite per proiettare film durante la bella stagione. L’estate non è la stagione ideale per il cinema, per questo diversi luoghi simbolo della città di Napoli sono stati adibiti a cinema all’aperto. La rassegna cinematografica all’aperto che ebbe inizio nel 1994 con l’Arci Movie nel Parco di San Sebastiano a Vesuvio, oggi conta migliaia di presenze ed è diventata una vera e propria tradizione che tocca i principali luoghi storici di Napoli. La grande novità di quest’anno è la nuova arena all’interno di Città della Scienza a Bagnoli con un anfiteatro che conta più di 1300 posti a sedere e che, fino al 31 luglio 2016, ospiterà la rassegna intitolata “Movies, music and stars”. Le proiezioni nelle arene all’aperto sono previste prevalentemente durante i weekend e i prezzi dei biglietti variano dai 3 ai 6 euro.

Le location per il “Cinema all’Aperto” 2016 sono:

  • Parco urbano a Vesuvio
  • Terrazza Asilo Filangieri
  • Parco del Poggio ai Colli Aminei
  • Parco della Mostra d’Oltremare
  • Città della Scienza Bagnoli
  • Drive in a Pozzuoli

 

L’estate a Napoli è perfetta anche per godere di meravigliosi spettacoli, è iniziata infatti il 24 giugno scorso la nuova edizione di Brividi d’Estate, la rassegna organizzata presso l’Orto Botanico di Napoli da “Il pozzo e il pendolo“. 31 appuntamenti che vedono l’alternarsi di concerti, esibizioni di band emergenti, laboratori, musica, giochi, spettacoli teatrali e ogni sabato l’imperdibile appuntamento con i “delitti della luna piena“, ovvero la versione estiva all’aperto delle note e frequentate “cene con delitto“. Gli eventi settimanali termineranno il 7 agosto 2016 e fino al 2 ottobre avranno luogo solo durante il weekend. Il costo del biglietto è di 16 euro. Per conoscere il calendario di tutti gli eventi in programma clicca qui.

Tra le tante iniziative di questa fantastica estate a Napoli anche il Newroz Festival, diretto dai 99 Posse, che si svolgerà fino al primo luglio all’Ippodromo di Agnano. Un alternarsi di concerti, iniziative culturali ed eventi speciali come il “Food Village M-eat“, dove si potranno degustare tutte le specialità della cucina partenopea. Il prezzo del biglietto è di solo 1 euro e il divertimento è garantito. Per info sul programma clicca qui e per partecipare e restare aggiornati basta visitare la pagina Facebook dedicata all’evento.

Oltre alle tante iniziative, Napoli propone anche tour guidati alla scoperta di meravigliosi luoghi come le visite agli scavi archeologici di Cuma, Pompei ed Ercolano o l’itinerario nella Napoli Sotterranea e alla scoperta delle numerose Chiese e Palazzi d’epoca. Alcuni Musei in occasione dell’arrivo dell’estate a Napoli hanno scelto di avviare la stagione delle aperture straordinarie serali, un giorno a settimana a partire dalle ore 19:30 fino alle 22:30/23:00, previste fino al 29 settembre, con ingresso al prezzo speciale di 1 o 2 euro. I musei aderenti al momento sono:

  • Museo di Capodimonte – apertura ogni giovedì sera.
  • Museo MANN – apertura ogni giovedì sera.

 

Per chi non avesse ancora scelto la meta delle proprie vacanze, Napoli e i suoi dintorni sono l’ideale per vacanze all’insegna di cultura, relax, divertimento, mare e sole, ottima cucina. Marechiaro Villa & Relais, sita sulla collina di Posillipo, in una posizione strategica che permette di raggiungere facilmente ogni luogo di interesse, è la location ideale per vacanze all’insegna di relax, privacy, tranquillità e comfort. Prenotate la vostra suite e godete di splendide giornate in compagnia di amici e famiglia in un ambiente accogliente, elegante e familiare allo stesso tempo.

0 0 Continua a leggere →

Maggio a Napoli tra musei, arte e cultura

Maggio a Napoli tra aperture gratis dei musei, iniziative artistico-culturali e tour guidati.

 

Maggio a Napoli è un mese speciale. Insieme alla natura, rifiorisce l’intera città che con i suoi colori, i suoi profumi e i suoi panorami riesce a regalare intense emozioni a turisti e residenti. A rendere il mese di maggio ancora più interessante sono le numerose iniziative organizzate dal Comune e dalle Associazioni culturali, sempre molto attive sul territorio.

Tantissime le iniziative previste per il mese di maggio a Napoli, si parte il primo del mese, giorno in cui si celebra la festa dei lavoratori, con un programma di eccezione che prevede aperture straordinarie e gratuite di siti archeologici, monumenti e musei, grazie all’iniziativa #DomenicalMuseo promossa dal Ministero dei Beni Cluturali. Il primo maggio, infatti, quest’anno coincide con la prima domenica del mese, giorno per cui da quest’anno il ministro Franceschini ha decretato l’apertura libera e gratuita dei Musei, per rendere arte e cultura accessibili e fruibili a tutti. Nonostante il maltempo previsto purtroppo per i prossimi giorni, si prospettano comunque intense giornate dedicate ad interessanti tour, basta solo scegliere il sito da visitare.

Tra le aperture straordinarie, in programma la Reggia di Caserta, che prevede però la visita gratuita solo degli appartamenti, e gli Scavi di Pompei, che quest’anno sono tra le mete preferite di turisti italiani e stranieri. La visita gratuita agli scavi è però destinata solo ai primi 15.000 visitatori, questo per evitare di creare una folla eccessiva pericolosa per la preziosa area archeologica. Per l’occasione apre al pubblico e organizza visite guidate anche l’Archivio di Stato di Napoli. Altre aperture da non perdere sono: la Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III, Castel Sant’Elmo, il Museo Archeologico nazionale, il Museo di Capodimonte, il museo della Ceramica, Palazzo Reale, il Museo archeologico dei Campi Flegrei, gli Scavi di Stabia, gli Scavi di Ercolano. Sul sito del Ministero dei Beni Culturali è possibile accedere a tutte le aperture previste per il 01 maggio a Napoli.

Il 06 maggio a Napoli imperdibile la splendida mostra di Enza Monetti dal titolo Swinging organizzata al Pan in collaborazione con l’Assesorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli. Swinging nasce dal fecondo connubio tra arte e design di Enza Monetti, che costruisce spazi energetici e puri, come cappelle e navate di una chiesa celebrante la Vita, simboleggiata nel segno interculturale forte e ancestrale dell’albero, caro all’artista – ante litteram rispetto a Expo 2015 – da più di un quinquennio. Enza Moretti è un’artista e designer, nata a Napoli, che indaga i binari paralleli dell’arte e della valorizzazione della vita, integrando materiali naturali e linguaggi tecnologici in quell’ambiente in cui tutto è ancora possibile.
Per saperne di più sulla mostra, clicca qui.

Tra gli eventi del mese di maggio a Napoli, non si può dimenticare Maggio dei Monumenti, la grande manifestazione che riempie ogni anno la città di tantissimi eventi. Il 2016 è dedicato al tema di Carlo di Borbone, il sovrano che rese grande il Regno di Napoli anche dal punto di vista del periodo artistico e musicale. A quel periodo risalgono importanti opere tra cui la Reggia di Caserta, il teatro San Carlo, la Reggia di Portici, la Reggia di Capodimonte. Durante il periodo ci saranno eventi, iniziative, concerti, itinerari interessanti, reading e molto altro.

Dal 30 aprile al 06 giugno 2016 si terrà anche la mostra “Un re, una capitale, un presepe”. Per ulteriori informazioni, clicca qui.

Tra gli itinerari turistici più interessanti di questo periodo, il tour che parte dal Parco Virgiliano e attraversa la Grotta di Seiano, percorso di 770 metri, raggiunge il Parco archeologico di  Pausilypon, fino al Borgo di Marechiaro e alla Casa degli Spiriti. Per conoscere in dettagli il tour clicca qui.

Per chi volesse trascorrere una meravigliosa vacanza tra arte, cultura e relax, Marechiaro Villa & Relais è la location perfetta, situata sulla collina di Posillipo, a pochi metri dal centro di Napoli, in una posizione strategica per visitare tutti i più importanti siti. Inoltre, lo staff organizza su richiesta per gli ospiti splendidi tour guidati. Per conoscere la disponibilità della location scrivere a info@relaismarechiaro.it.

0 0 Continua a leggere →

Cosa fare per il ponte del 25 aprile a Napoli

Ponte del 25 aprile a Napoli, cosa offre la città per turisti e residenti?

 

Il 25 aprile, anniversario della Liberazione d’Italia, è un giorno di festa, che quest’anno regala anche un weekend lungo per rilassarsi e trascorrere qualche giorno in famiglia e con gli amici. Ma cosa fare in questi giorni di festa? Napoli offre moltissime possibilità, anche gratuite, sia per turisti che per residenti, itinerari e tour per conoscere il territorio e i suoi dintorni, ma anche mostre, manifestazioni e laboratori per i bimbi.

Tanti gli eventi che caratterizzano questo 25 aprile a Napoli, tra cui diverse sagre come quella del cioccolato artigianale organizzata a Beneveneto o la Sagra del Maiale a Senerchia (Avellino) o quella del carciofo a Paestum, la famosissima manifestazione Sapere e Sapori ad Avella, una festa di cibo tipico napoletano con visite guidate a siti archeologici e la festa dei Libri e la Sagra delle Antiche Taverne con 300 figuranti, colori, cibi e profumi che rievocano un’ambientazione settecentesca.

Per le famiglie con bimbi sicuramente è molto interessante la visita al Giardino dell’Orco, dove sono state organizzate diverse attività per trascorrere una giornata a contatto con la natura, facendo attività all’aperto, come il laboratorio didattico del 24 aprile “L’arte di Picasso” dedicato ai bambini, che saranno chiamati a realizzare dei collage e i “Giochi di Campagna” del 25 aprile con corsa con sacchi, tiro alla fune, caccia al tesoro e molto altro. Sabato 23 aprile, da non perdere anche la mostra “C’era una volta in Nord America…prima dei dinosauri”, allestita nel Museo di Paleontologia con la presenza del grande Alberto Angela.

Sempre per i bimbi dal 22 al 25 aprile si terrà la XVIII edizione della famosa mostra del fumetto, il Napoli Comicon, dove potranno giocare e divertirsi nell’apposita area kids.

Anche all’Orto Botanico iniziative per tutta la famiglia per il weekend del 25 aprile a Napoli, dove si potrà assistere ad uno spettacolo itinerante in cui si fondono natura, magia e il mondo di Alice, facendo prendere realmente vita a tutto l’orto e regalando così ai bambini e alle loro famiglie uno spettacolo unico e irripetibile.

Sabato e domenica il centro storico di Eboli invece sarà animato dalla Rassegna di Primavera degli Artisti di Strada. con più di 100 artisti tra giocolieri, acrobati, trasformisti,musicisti, ballerini, contorsionisti, mangia-fuoco, maghi e tanto altro, per stimolare curiosità e fantasia, facendo divertire grandi e piccini.

Per maggiori informazioni sui orari e costi di tutte le attività per i bambini e le famiglie, clicca qui.

E per gli adulti e i turisti, molto interessante e significativa la visita organizzata nel sottosuolo di Napoli nella splendida Galleria Borbonica di Monte di Dio utilizzata come rifugio durante la Seconda Guerra Mondiale. Il percorso denominato La via delle memorie risveglia antiche memorie. Prenotazione obbligatoria da richiedere ad Econote entro sabato ai numeri di telefono 3936098130 o 3474504251.

Il 25 aprile sarà anche la giornata dei Musei, infatti sono state organizzate diverse visite guidate gratuite per adulti come la visita al Museo Madre di Arte Contemporanea Donnaregina. Prenotazione obbligatoria da effettuare entro sabato chiamando al numero 08119313016.

Altro itinerario culturale da segnalare è la visita guidata al Museo di Capodimonte, organizzato dall’Associazione Megaride, per conoscere la collezione Farnese e visitare le camere dell’appartamento. Per prenotare, basta contattare l’Associazione al numero  3481149647.

Anche nella zona di Posillipo, dove è situata Marechiaro Villa & Relais, si sta organizzando un’iniziativa interessante, infatti il 25 aprile il ristorante Il Faro in zona Marechiaro, regalerà ai suoi ospiti il “Marechiaro Experience“, un emozionante tour in barca tra le coste di Marechiaro, accompagnato da un pranzo/cena di eccellenza con cibo tipico della tradizione partenopea al costo di 40 euro o 25 in caso di menu pizza.

E ancora l’itinerario all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio, organizzato dall’Associazione Locus, alla scoperta del vulcano più studiato del mondo o la visita al Museo delle carrozze di Villa Pignatelli, da poco ristrutturata e riaperta al pubblico. Per visitare la villa la prenotazione è obbligatoria, basta chiamare la Sirecoop al numero 3922863436.

Per saperne di più su ogni itinerario, conoscere orari, costi e disponibilità, clicca qui e leggi l’approfondimento realizzato dal sito web di informazione Napoli da Vivere.

Fonti: Napoli da Vivere, A zonzo con Bimba.

0 0 Continua a leggere →

IL NATALE È PIÙ BUONO CON I DOLCI NAPOLETANI

Il Natale è più dolce con i prodotti della tradizione culinaria napoletana

 

Napoli è nota in tutto il mondo per la sua ricca tradizione culinaria e per la produzione di alcuni noti dolci che rendono il Natale magico e ancora più gustoso. Napoli è la terra del sole e del mare, ma è anche ricca di cultura, arte, storia e conosciuta per le sue prelibatezze uniche al mondo. Dal cibo alle bevande come il limoncello e i vini pregiati prodotti con l’uva delle campagne campane. Ma Napoli è soprattutto buon cibo, un luogo dove ogni piatto è un mix indimenticabile di sapori, colori, profumi. Ogni vicolo della città è pervaso dai magnifici odori del cibo di strada, conosciuto come “street food”, adorato da grandi e piccini.

Fin da epoca romana, l’olio utilizzato come condimento in importanti banchetti era di provenienza campana. L’incontro con la cultura francese e spagnola, ha affiancato ai piatti semplici realizzati con ingredienti locali a piatti più elaborati e dai gusti più forti. Napoli è sicuramente conosciuta in tutto il mondo per la pizza, che prende il nome dalla regina Margherita di Savoia. Il termine “pizza”, deriverebbe dal latino “pinsere”, cioè pestare/schiacciare/pigiare, è composta da basilico, mozzarella e pomodoro, i colori della bandiera italiana, forse anche per questo è considerata simbolo della tradizione culinaria italiana.

Ma la tradizione culinaria napoletana non è basata solo sulla “pizza”, è, infatti, famosa in tutto il mondo per i numerosi piatti come la mozzarella (in particolare la mozzarella di bufala), salsiccia e friarielli (infiorescenze della cima di rapa), il tipico dolce salato “Casatiello”, i taralli ‘nzogna e pepe, le fritture di pesce, i fiori di zucca in pastella ripieni di ricotta, le acciughe, le cozze, le vongole, i polpi, i ricci di mare e molto altro.

Ma la cucina napoletana è famosa per i suoi dolci, che rendono ogni festività unica e magica. Per gli amanti dei dolci, a Napoli a Natale non c’è che l’imbarazzo della scelta. Si può optare per i babà al rhum, le sfogliatelle, la pastiera napoletana, gli struffoli, le zeppole di San Giuseppe, i mostaccioli, i biscotti tipici, le frittelle dolci e molto molto altro…

Il babà (o anche denominato babbà) è un tipico dolce da forno della pasticceria napoletana, realizzato con pasta lievitata con lievito di birra. Il suo diametro può variare dai 5/7 cm fino a 35/40 cm ed è molto noto perché viene imbevuto nel rhum, che gli regala una consistenza morbida. E’ possibile anche trovarlo diviso in due e ripieno con crema pasticciera, cioccolato o panna.

I mostaccioli (o anche chiamati mustaccioli o mostacciuoli) sono dolci tipici della tradizione culinaria partenopea. Sono piccoli biscotti dalla forma romboidale di circa 10-12 cm. di larghezza. All’interno caratterizzati da un impasto morbido e fruttato (realizzato con frutta candita e miele) e all’esterno glassati con cioccolata fondente. Il nome deriva dal mosto, con cui vengono preparati. Sono molto amati dai bambini e per questo uno dei dolci più diffusi nel periodo di Natale.

Insieme ai mostaccioli a Natale i napoletani preparano gli struffoli, dolci composti da palline di circa 1 cm. di pasta realizzate con farina, uova, strutto, zucchero, sale e liquore d’anice, fritte in olio bollente. Gli struffoli vengono poi conditi con miele caldo, cedro, frutta candita o palline di zucchero colorate. Sull’origine di questo dolce ci sono ancora molte incertezze, si pensa siano stati importati dai greci ai tempi della Magna Grecia. La parola struffolo deriva, infatti, dal greco “stróngylos” ovvero “di forma tondeggiante”.

La pastiera napoletana è un altro dolce tipico della cucina napoletana, più diffuso nel periodo pasquale. Si tratta di una torta di pasta frolla farcita di ricotta dolce, canditi, zucchero, uova e grano bollito nel latte. Per esaltarne l’aroma in molti usano aromatizzarla con cannella, scorze d’arancia, vaniglia.

Le sfogliatelle di origine campana vengono preparate con la pasta sfoglia, sono ripiene di crema pasticciera e ricoperte di zucchero a velo. Sono conosciute per la loro tipica forma e la superficie increspata.

Per Natale e per Pasqua, pur non essendo un dolce, le famiglie adorano preparare il famoso “Casatiello“, un’ottima torta salata. E’ un alimento molto nutriente e molto lavorato. Il risultato è un impasto simile al pan focaccia ripieno di formaggio, strutto, cicoli, salumi, pepe, che viene lasciato lievitare e cotto possibilmente in forno a legna.

Famosa la citazione di Giambattista Basile ritrovata ne La Gatta Cenerentola: “E’ venuto lo juorno destenato, oh bene mio: che mazzecatorio e che bazzara che se facette! Da dove vennero tante pastiere e casatielle? Dove li sottestate e le porpette? Dove li maccarune e graviuole? Tanto che nce poteva magnare n’asserceto formato.” 

A Napoli il Natale è davvero… gustoso!

Fonti: Wikipedia, vesuviolive.it

0 0 Continua a leggere →

IL MIGLIO SACRO: UNO DEI PERCORSI PIU’ SUGGESTIVI DI NAPOLI

Il Miglio Sacro di Napoli è un itinerario lungo un miglio, che parte dalla tomba di San Gennaro alla scoperta dei tesori del Rione Sanità e permette di ammirare e scoprire in tutta la loro bellezza e magnificenza alcuni dei più importanti siti culturali e artistici

Per conoscere Napoli in tutte le sue meravigliose e suggestive sfaccettature, le Associazioni, gli Enti locali e il Comune organizzano numerosi percorsi tematici. Napoli nasconde innumerevoli siti culturali, artistici e storici che restano sconosciuti a molti, spesso anche ai cittadini stessi. Ecco perché è stato strutturato il percorso il Miglio Sacro, un percorso lungo un miglio alla scoperta dei tesori del Rione Sanità.

Il Miglio Sacro è un itinerario pensato per la città e i napoletani, prima ancora che per visitatori e turisti. L’itinerario si sviluppa per un intero miglio e parte dalla tomba di San Gennaro fino al suo tesoro. Percorrere questo itinerario significa andare alla scoperta del Rione Sanità, centro e fulcro della cultura napoletana, rione che ha visto abitare tutti i popoli, dagli africani ai cinesi, e che un tempo era zona di passaggio di papi, re e cardinali. Durante il percorso si possono ammirare numerose chiese, che da luoghi di culto, che si sono trasformati nel tempo in note gallerie d’arte, case di accoglienza, pace e progettazione. Un quartiere di Napoli che può vantare una storia millenaria e che ancora oggi la racconta ai visitatori attraverso le sue opere, l’arte, le architetture, i suoi tesori.

L’itinerario Il Miglio Sacro di Napoli volto alla scoperta del Rione Sanità di Napoli si organizza, previa prenotazione, tutte le domeniche alle ore 09:30, la partenza è prevista dall’ingresso delle Catacombe di Napoli, in Via Capodimonte n.13. Da lì si inizia visitando la Basilica dell’Incoronata, dal cui giardino si può accedere alle Catacombe di San Gennaro. La Basilica dell’Incoronata venne costruita in omaggio al quadro della Madre del Buon Consiglio, dipinto nel 1884 e dichiarato “miracoloso”, sembra, infatti, che nello stesso anno pose fine all’epidemia di colera e che poi nel 1906 fermò le ceneri del Vesuvio. Si procede poi alla scoperta delle famose Catacombe di San Gennaro, luogo di culto dove fu conservata la tomba del Santo Patrono di Napoli. Le catacombe, che ospitano le tombe dei primi vescovi di Napoli, sono caratterizzate da ampi spazi e impreziosite da importanti mosaici, affreschi e strutture ottenute dal tufo. All’uscita delle Catacombe si può ammirare la Basilica paleocristiana del V secolo d.C., trasformata in un deposito dell’Ospedale.

Dopo la passeggiata alla scoperta delle bellezze del Rione Sanità, si arriva al Cimitero delle Fontanelle, conosciuto in tutto il mondo. Questo luogo nato come una cava di tufo scavata nella collina di Materdei, divenne un ossario verso la metà del ‘600, con l’intento di ospitare le vittime delle epidemie di peste e colera che avevano colpito la città di Napoli e decimato la popolazione. Da cimitero si trasformò nell’Ottocento in un sito di interesse e luogo di culto, quando un gruppo di devoti guidati da padre Gaetano Barbati disposero in ordine le migliaia di ossa e crani. Essendo molte anime senza nome, il popolo le denominò le anime pezzentelle o capuzzelle, che venivano prese “in adozione” dai napoletani vivi, in segno e in richiesta di protezione, una sorta di “reciproco aiuto”. Le capuzzelle venivano pulite e ordinate dai vivi, ma in cambio avevano l’obbligo di soccorrerli, proteggerli e aiutarli nelle loro necessità quotidiane o dare i numeri fortunati. Napoli ha avuto sempre un grande rispetto per questo luogo e ancora oggi i cittadini si recano a visitare un sito di così antica storia considerato oggi l’archivio umano di Napoli.

Si prosegue poi visitando La Basilica di Santa Maria della Sanità, conosciuta come la Chiesa del Monacone perché custodisce la statua di San Vincenzo Ferreri, frate domenicano e patrono della Sanità. Vero e proprio museo della pittura napoletana del XVII secolo. Durante il percorso si ha poi la possibilità di visitare alcuni dei Palazzi signorili più famosi di Napoli come Palazzo Sanfelice Palazzo Spagnuolo. E ancora la Chiesa di Santa Maria dei Vergini fino ad arrivare alla Porta di San Gennaro, l’accesso alla città e accesso alle Catacombe di San Gennaro.

Per scoprire tutto l’itinerario Il Miglio Sacro in dettaglio e prenotare/pianificare la vostra visita basta visitare il sito CatacombediNapoli.it o scrivere a info@catacombedinapoli.it.

Fonti: Catacombe di Napoli; Comune di Napoli

0 0 Continua a leggere →

Cultura e turismo tornano a crescere!

Rivelati i dati del primo trimestre 2015 su cultura e turismo in Italia, che sembrerebbero registrare un buon incremento, consolidando il trend dello scorso anno

 

I dati sono stati resi noti dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e mostrano nel primo trimestre del 2015 un notevole incremento del numero di visitatori di musei e aree archeologiche. Sono incrementate anche le vendite di biglietti del cinema e le copie vendute di libri e e-book e sono aumentate anche significativamente le presenze in tre fondazioni lirico-sinfoniche.

Positivi anche i dati del turismo che registrano un notevole aumento di viaggiatori nazionali e internazionali in catene alberghiere ed extra-alberghiere.

La scelta degli italiani di tornare a spendere per leggere, visitare i musei, andare al cinema o viaggiare  – ha spiegato il ministro Dario Franceschini è segno di un nuovo clima di fiducia e ripresa. I dati del primo trimestre sui consumi in cultura e turismo sono molto positivi non solo per il loro valore economico ma perché mostrano la voglia degli italiani di riappropriarsi e vivere in maniera diretta il patrimonio culturale e il presente della scena artistica“.

Più specificamente, nel primo trimestre 2015 aumentano del 9,93% il numero dei visitatori dei musei e delle aree archeologiche (+653.055 visitatori); del 10,86% il numero dei visitatori non paganti (+10,86 pari a +412.826 visitatori); del 12,76% il valore degli introiti dei musei (+2.323.855 euro). Le librerie indipendenti sono cresciute nel primo trimestre del 2015 del 2,3% per copie vendute e del 1,9% in termini di valore delle vendite.

In crescita anche il settore ‘bambini e ragazzì e le vendite degli ebook. Nel primo trimestre del 2015 la spesa al botteghino cresce del 6,5% pari a +12.937.430 euro e gli ingressi del 4,73% pari a +1.546.149 biglietti venduti.

Fonte: Rai News

0 0 Continua a leggere →

Expo Idee 2015: domani a Pompei il terzo appuntamento!

Expo: Si chiude a Pompei il terzo appuntamento de “Italia 2015 – Il Paese nell’anno dell’Expo”!

 

Domani, 18 aprile 2015, si terrà a Pompei il terzo appuntamento preparatorio dedicato ai contenuti dell’Expo 2015, cioè il tema della nutrizione e dello sviluppo sostenibile. Un tappa, in programma a 13 giorni dall’inaugurazione del primo maggio, che si terrà presso il Quadriportico dei Teatri di Pompei, a partire dalle ore 11:00.

Il nuovo appuntamento con  “Italia 2015 – Il Paese nell’anno dell’Expo” che si svolgerà nella città campana, è stato organizzato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle attività culturali e con la Rai.

0 0 Continua a leggere →